Vuoi sapere come guadagnare bitcoin e soldi veri? Qui trovi tutte le informazioni

Fabrizio Nucci
Vuoi sapere come guadagnare bitcoin e soldi veri

Prima di capire come guadagnare bitcoin hai bisogno di un portafogli in cui le monete virtuali potranno essere conservate. Proprio come avviene per le banconote di carta, infatti, anche le monete digitali richiedono il ricorso a un wallet, che è appunto un portafogli digitale, vale a dire un file in cui le valute saranno salvate. Per fortuna non si tratta di un’operazione troppo difficile, dato che il web pullula di programmi che ti permettono di aprire un wallet bitcoin, fornendoti tutte le istruzioni di cui hai bisogno per riuscirci. Un esempio è Bitcoin Core, un client molto comune che ti permette di eseguire pagamenti in bitcoin (e ovviamente riceverli): si tratta di un programma multi-piattaforma che è compatibile sia con Mac che con Windows, oltre che con Linux. Una volta scaricato il programma, devi attivare la cifratura del wallet in modo da garantire la sua sicurezza. L’opzione del backup ti consentirà, in seguito, di realizzare delle copie di sicurezza, che dovresti avere l’accortezza di creare periodicamente.

Che differenza c’è tra guadagnare bitcoin e guadagnare soldi veri

Se ti stai interrogando su come guadagnare bitcoin devi sempre tenere presente che anche raggiungendo tale obiettivo non è detto che tu riesca in automatico a diventare ricco. Insomma, ottenere bitcoin in teoria è facile, mentre non è così semplice convertire in un guadagno vero e proprio gli introiti di moneta digitale. Come noto, infatti, bitcoin è molto diverso rispetto ai soldi normali, cioè al denaro che siamo abituati a usare tutti i giorni. Occorre investire nel mining, dedicando a tale attività un bel po’ di tempo ma anche denaro.

Che cos’è e come funziona il mining

L’operazione che permette di ottenere i bitcoin, come noto, è proprio il mining. Si tratta di un’attività che presuppone una potenza di calcolo molto elevata, ma soprattutto competenze tecniche di un certo livello. Senza entrare troppo in dettagli che potrebbero risultare poco comprensibili per un lettore poco esperto, si usa la tecnica del brute force per attaccare dei dati protetti con crittografia. Per usare una similitudine, è come cercare di aprire una cassaforte provando tutte le combinazioni potenziali. Il problema è che le combinazioni possibili sono quasi infinite. Il problema più comune per i miners è proprio quello che riguarda la potenza di calcolo: in sostanza fare mining su un computer come quelli che siamo abituati a usare tutti i giorni rischia di compromettere la sua sopravvivenza. Ma se anche il computer dovesse garantire prestazioni al top, il consumo di energia sarebbe in ogni caso troppo elevato. Insomma, non solo si annullerebbero gli eventuali incassi di bitcoin, ma addirittura si finirebbe per spendere più di quello che si potrebbe guadagnare. Ciò avviene perché il mining si basa sulla potenza di calcolo della GPU e, in misura minore, della CPU; se in teoria chiunque avrebbe la possibilità di fare mining, a livello pratico la questione è ben diversa.

Che cos’è e come funziona il mining

Le alternative al mining

Questo non vuol dire che si debba rinunciare a scoprire come guadagnare bitcoin, ma solo che è necessario mettersi in cerca di soluzioni alternative che consentano di raggiungere questo obiettivo. Per esempio ci sono aziende che hanno introdotto sul mercato gli ASIC Bitcoin Miner, che sono degli computer che consumano molta meno energia in confronto a quelli tradizionali e che sono stati progettati proprio per consentire il guadagno di bitcoin. C’è da dire, però, che a volte tali dispositivi hanno una qualità costruttiva modesta, per colpa della quale le loro prestazioni calano rapidamente.

Il mining pool

Una delle risposte alla domanda “come guadagnare bitcoin?” è rappresentata senza dubbio dal mining pool, che ha il pregio di richiedere consumi di energia piuttosto ridotti. Questo metodo si basa sulla tecnologia del calcolo distribuito, e permette di eseguire il mining unendo le risorse di vari utenti distribuiti in tutto il mondo. In pratica vengono sfruttate le potenze di calcolo dei rispettivi computer; dopodiché una volta che l’operazione è stata completata si distribuisce fra i vari partecipanti al mining pool il valore del blocco che è stato minato. Il web propone un assortimento molto ampio di sistemi di mining pool, e tra questi c’è Slushpool. Vale la pena di sapere, però, che per servirsene è necessario fare riferimento a dei client appositi: per esempio BFGMiner, che è compatibile con Mac, Linux e Windows, basandosi sulla potenza di calcolo della GPU.

Come fare per comprare bitcoin

I bitcoin possono essere acquistati in maniera diretta e in modo molto semplice, visto che esistono diversi servizi ad hoc. Uno di questi si chiama Bitstamp e permette di visualizzare il valore corrente delle valute virtuali. In pochi passi si ha la possibilità di aprire un conto che potrà essere usato per la conservazione delle criptovalute che si acquisteranno da altri utenti del sito. La procedura da seguire a questo scopo prevede di compilare un modulo apposito, in cui inserire i propri dati personali, per registrarsi. Così, si riceve sulla propria casella di posta elettronica una mail di conferma in cui vengono indicati il client ID e la password, che sono indispensabili per effettuare il login. Una volta effettuato l’accesso ed eseguito il cambio della password, non rimane che verificare il proprio account fornendo i documenti e i dati richiesti: in questo caso potrebbe esserci bisogno di attendere qualche ora, ma è un piccolo sacrificio necessario dal punto di vista della sicurezza. A questo punto, però, si potranno comprare i bitcoin: è sufficiente specificare l’importo in euro che si desidera convertire in valuta virtuale e il gioco è fatto.

Guadagnare bitcoin con i sistemi di affiliazione

Nel novero delle opportunità che meritano di essere prese in considerazione quando si è interessati a scoprire come guadagnare bitcoin ci sono anche i sistemi di affiliazione: questi sono servizi online che premiano gli utenti che si registrano, i quali ogni giorno ricevono un piccolo importo in bitcoin (o in altre monete digitali) nel proprio wallet. Poiché si tratta di un sistema di affiliazione, tale somma cresce in maniera significativa nel caso in cui al servizio si iscrivano altre persone attraverso il link referral. Un esempio è rappresentato dal sito QuoinPro, dove la registrazione è gratuita.

Gli ASIC USB

Non tutti conoscono le funzionalità e le potenzialità degli ASIC in formato USB. ASIC è la sigla di Application Specific Integrated Circuit, e indica un metodo grazie a cui è possibile raccogliere in modo efficace i bitcoin. Gli ASIC forniscono un aiuto prezioso per il mining effettuato da computer normali, e hanno un prezzo di partenza di circa 50 euro. In pratica, sono dei circuiti integrati che sono stati concepiti e sviluppati per consentire la risoluzione in tempi veloci di calcoli specifici. Reperibili senza problemi negli e-commerce, gli ASIC USB consumano poca energia e hanno una conformazione simile a quelle delle classiche pen drive che si usano per archiviare e conservare i dati.

I micro-task

Scoprire come guadagnare bitcoin può aiutare a diventare ricchi, o comunque ad accumulare un piccolo gruzzoletto. Come si è visto, il mining è in linea teorica il metodo di guadagno più rapido, ma non è adatto a tutti anche perché comporta una soglia di investimento molto alta. Tra le alternative si possono valutare i servizi che prevedono un pagamento in bitcoin in cambio del completamento di un piccolo lavoretto: ciò che in gergo tecnico viene definito un micro task. CoinWorker è uno dei tanti siti a cui fare riferimento da questo punto di vista, visto che è un mercato specializzato in attività di questo genere. I micro task sono delle azioni molto semplici da eseguire: si può trattare, per esempio, di pubblicare un post su un social network, oppure di guardare un annuncio pubblicitario. È vero che la paga in bitcoin può apparire misera, ma se la quotazione della moneta virtuale in futuro dovesse crescere ancora ci si ritroverebbe tra le mani un wallet davvero interessante.

Ottenere bitcoin attraverso i Faucet Bitcoin

Non sono molto diversi dai micro task i Faucet Bitcoin, che prevedono un pagamento in bitcoin per una certa quantità di tempo dedicata. L’unità di misura applicata è il Satoshi: 1 Satoshi corrisponde a un centesimo di un milionesimo di bitcoin. Anche in questo caso si tratta di visualizzare delle pubblicità, con la differenza che in genere i bitcoin possono essere richiesti e ottenuti solo a intervalli di tempo ben precisi. Daily Free Bits e Moon Bitcoin sono due dei siti più famosi per attività di questo tipo.

Ottenere bitcoin attraverso i Faucet Bitcoin

Che cosa è necessario sapere per guadagnare bitcoin

Ora che hai visto come guadagnare bitcoin, devi tenere conto di alcune avvertenze. Prima di tutto ricorda che il valore di questa moneta virtuale, così come di tutte le altre criptovalute, non è mai fisso ma varia in funzione di numerosi fattori. Le quotazioni sono caratterizzate da una notevole volatilità, che comunque puoi tenere sempre sotto controllo e monitorare in qualsiasi momento tramite specifici servizi che consentono di visualizzare la valutazione corrente su ogni mercato di scambio. I bitcoin non si basano su un ente che funga da intermediario tra coloro che li vendono e coloro che li comprano, così come non prevedono una banca centrale. Il meccanismo si fonda su una rete open source peer to peer, i cui nodi sono costituiti dai computer degli utenti. In più, i bitcoin non sono infiniti, nel senso che ne possono essere prodotti al massimo 21 milioni. Una volta ogni 4 anni si verifica l’halving, che prevede il dimezzamento della quantità di monete che vengono creare in virtù di una prassi deflazionista. L’halving più recente si è verificato nella primavera del 2020.

Il mercato dei bitcoin e i sistemi di affiliazione di Amazon

Queste sono alcune delle idee più apprezzate da chi ha già scoperto come guadagnare bitcoin. D’altro canto, è possibile fare soldi attraverso i bitcoin anche se effettivamente non se ne possiede nemmeno uno. Per esempio si può diventare affiliati che si occupino della compravendita di prodotti bitcoin. Amazon Associates è un programma di affiliazione che promuove e pubblicizza i dispositivi di estrazione bitcoin. È sufficiente avere un blog, un sito web o anche solo un profilo su un social network su cui inserire un link per inviare i lettori su Amazon, così da ottenere una commissione per gli acquisti che verranno effettuati nelle 24 ore successive. E tra i prodotti in vendita su Amazon ci sono anche i dispositivi per l’estrazione di bitcoin con il mining.

Chi controlla le transazioni

Se hai in mente di provare a guadagnare bitcoin non puoi fare a meno di considerare tutti questi aspetti, anche a tutela della tua sicurezza. Le transazioni che si svolgono in rete sono contenute in un database distribuito fra i computer degli utenti che tutti possono consultare. Da un lato i movimenti eseguiti sono pubblici e possono essere tracciati senza problemi; dall’altro lato è possibile creare le criptovalute senza che ci sia bisogno di dare le proprie generalità. Ad assicurare la regolarità delle transazioni provvede un sistema di crittografia a chiave pubblica, per mezzo del quale agli utenti viene proibito di mettere nel proprio wallet bitcoin che non sono di loro proprietà o di spendere più di una volta gli stessi bitcoin.

Farsi pagare in bitcoin

Potrebbe apparire un consiglio banale per chi vuole comprendere come guadagnare bitcoin, ma il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo è semplicemente quello di farsi pagare in criptovaluta per i lavori che si svolgono. Ovviamente tale opportunità è preclusa ai dipendenti delle aziende private o degli enti pubblici, ma può essere sperimentata da chi lavora come freelance, a maggior ragione nel campo dell’informatica. Che si tratti di produrre video, di eseguire montaggi audio, di progettare soluzioni grafiche o di fornire qualsiasi altro servizio, vale la pena di pensare al proprio lavoro come alla strada più rapida per il guadagno di bitcoin.

Infine, ecco una serie di tool utili che ti consigliamo di provare se entri nel mondo dei bitcoin. Innanzitutto, ti consigliamo di utilizzare il broker Elcurrency. Inoltre, prova i vari software di trading automatico che trovi riportati in questo sito. Se non sai da dove iniziare, ti consigliamo di leggere la recensione di Bitcoin Era.

Fabrizio Nucci

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Next Post

Ecco come creare bitcoin… e diventare ricchi con il trading online

I bitcoin sono la moneta virtuale più antica e più famosa al mondo. Proprio per la loro natura virtuale, essi non esistono fisicamente, come le banconote degli euro o dei dollari. Questo non vuol dire, però, che non richiedano un processo di creazione: un processo che, come si può facilmente […]
Ecco come creare bitcoin