I trucchi indispensabili per guadagnare bitcoin velocemente

Fabrizio Nucci
uomo con denaro

Le strategie che si possono mettere in atto per guadagnare bitcoin velocemente sono più numerose di quel che si possa immaginare: ecco perché è indispensabile conoscerle tutte, in modo da trovare quella più in linea con le proprie competenze. Per esempio, si potrebbe pensare di minare i bitcoin in cloud, cioè senza che vi sia bisogno di hardware. In questo modo si può evitare il ricorso a computer dalla potenza di calcolo eccezionale, visto che il mining casalingo ormai non può più essere effettuato con dei laptop tradizionali. Il vantaggio principale che deriva dal cloud mining deriva dal fatto che ci si affida a società ad hoc che possono contare su processori estremamente potenti: la resa è garantita, a fronte di un canone annuale che è necessario corrispondere per l’affitto dei server ma che in ogni caso si ripaga in qualche mese (tutto dipende dalla quotazione sul mercato del bitcoin, ovviamente).

Mining in cloud, quali sono i siti migliori?

Il mining in cloud, pertanto, è una delle strategie su cui si può fare affidamento se si ha l’ambizione di guadagnare bitcoin velocemente, ma a patto che si sia in grado di scegliere i siti giusti su cui puntare. Non tutti garantiscono gli stessi standard di sicurezza, e per questo conviene informarsi in anticipo, e con la massima attenzione, per capire quali sono i riferimenti più appropriati. Maggiori sono gli investimenti e più elevata è la potenza di calcolo che si acquisisce per il mining.

Il trading di bitcoin

Il trading di bitcoin è un’altra delle strade che si possono prendere in considerazione per conseguire ricavi in tempi rapidi. Ovviamente occorre considerare che si parla di investimenti finanziari: pertanto non si può avere la certezza del buon esito delle operazioni effettuate. Con il trading si comprano i bitcoin e poi si vendono nel momento in cui il loro valore sale; poi se le quotazioni si abbassano di nuovo si riacquistano, e così via.

grafico btc

Facile a dirsi, un po’ meno a farsi, specialmente se si pensa alla notevole volatilità che contraddistingue la criptovaluta, i cui trend sono decisamente difficili da prevedere. Basti pensare che nel novembre del 2017 un bitcoin valeva 3.500 euro, e solo un mese più tardi aveva raggiungo una quotazione di 16.000 euro. D’altro canto, ogni picco verso l’alto conosce un conseguente ribasso: ecco perché bisogna essere esperti del mercato per sapere come trarre vantaggio dalle compravendite. Per fare trading di bitcoin ci si deve affidare agli exchange, che permettono di comprare la valuta virtuale al prezzo di mercato. gli acquisti possono essere eseguiti tramite bonifico o con carta di credito, ed è utile ricordare che per ogni transazione si applica una commissione.

Il trading attraverso i contratti per differenza

Il trading si può basare anche sui contratti per differenza, che a loro volta meritano di essere annoverati nella lista delle risposte alla domanda “come guadagnare bitcoin velocemente?”. La differenza rispetto al trading classico è che in questo caso le operazioni finanziarie non si basano sull’acquisto o sulla vendita diretta della valuta virtuale, ma – appunto – sui contratti per differenza: questi, conosciuti anche con la sigla CFD, sono degli strumenti derivati il cui valore si basa su quello degli asset sottostanti (in questo caso il bitcoin). Per di più si applica la leva finanziaria, che moltiplica i guadagni (ma anche le eventuali perdite, attenzione) e si rivela molto utile per chi non ha a disposizione un capitale molto ingente da investire. Ecco un broker che ti consigliamo di provare: Golden Markets.

Accettare i bitcoin con mezzi di pagamento

Chi ha un’attività commerciale, un negozio o un’azienda, ma anche chi è un libero professionista e presta i propri servizi alla clientela, dovrebbe prendere in esame l’ipotesi di inserire i pagamenti in bitcoin tra le modalità di pagamento accettate. Il primo passo da compiere a questo scopo è rappresentato dalla creazione di un wallet, vale a dire un portafogli digitale: in pratica, è il posto in cui i bitcoin potranno essere conservati e tenuti al sicuro, proprio come le banconote delle valute tradizionali vengono custodite in cassaforte. Una volta ottenuto un indirizzo bitcoin, è sufficiente applicare il suo QR Code al proprio e-commerce o al registratore di cassa che si tiene in negozio, e a quel punto la criptovaluta potrà già iniziare a essere accettata come strumento di pagamento. I clienti che vorranno pagare con i bitcoin non dovranno fare altro che accedere a un’apposita app che avranno già scaricato sul proprio telefono, dove potranno digitare il valore in euro della cifra da corrispondere, che l’app stessa convertirà in bitcoin in funzione del tasso di cambio corrente.

Prestare i bitcoin

Nel caso in cui si sia già in possesso di un certo numero di bitcoin, si potrebbe decidere di prestarli per poi ottenere un profitto grazie agli interessi, proprio come succederebbe con un prestito in euro. Ovviamente non ci si deve preoccupare di trovare da soli dei soggetti potenzialmente interessati a questo tipo di finanziamento, dal momento che ci sono dei siti web che offrono proprio questo servizio, facendo entrare in contatto la domanda con l’offerta. Sul sito di prestito Bitbond, che si basa su un meccanismo peer to peer, vengono pubblicate delle richieste di finanziamento a cui si può decidere di rispondere. Il vantaggio di questo portale è che il proprio capitale in bitcoin non viene prestato a un utente solo, ma viene suddiviso tra più richiedenti, dato che possono essere finanziate anche porzioni di prestiti molto piccole. Lo scopo è quello di diversificare, e quindi annullare, il rischio di insolvenza. Se anche uno dei richiedenti non fosse in grado di rimborsare le somme avute, tutti gli altri prestiti con i relativi interessi contribuirebbero a compensare.

Le attività sui siti web affiliati

Per chi desidera guadagnare bitcoin velocemente, uno dei metodi di cui si sente parlare più spesso e che sembrano garantire una certa efficacia è quello che prevede di svolgere delle particolari attività su siti affiliati. In pratica, si presta un servizio e si viene ricompensati in bitcoin: per il momento sono soprattutto siti stranieri a mettere a disposizione questa possibilità, tra i quali Bitfortip, Coinadder, CoinWorker e Vidybit. Una volta visitato il sito, si riceve un certo valore in bitcoin: ovviamente la somma garantita è molto bassa, ma si tratta di un buon modo per iniziare, e magari per prendere dimestichezza con il wallet. E poi chissà che un domani il valore dei bitcoin non possa decuplicare, a quel punto ciò che oggi sembra una somma piccola si potrà considerare un gruzzolo un po’ più consistente.

Come guadagnare bitcoin velocemente senza correre rischi

È chiaro che se si è in cerca di soluzioni per guadagnare bitcoin velocemente il rischio che si può correre è quello di imbattersi in sistemi fraudolenti o in false promesse. In effetti, non si può pensare di ottenere dei profitti come per magia, da un giorno all’altro, e soprattutto senza essere in possesso di competenze specifiche. Qualunque sia la strada che si decide di percorrere per arrivare a fare soldi grazie ai bitcoin, si deve essere consapevoli delle caratteristiche e della volatilità di un mercato che non può essere sottovalutato. Nel caso in cui si opti per il trading online, per esempio, è bene stare alla larga da tutti quei software di trading automatico che vengono spacciati da chi li promuove come miracolosi, in grado di assicurare ogni giorno centinaia di euro di introiti senza fatica e senza impegno. Si tratterebbe di robot che, funzionando grazie ad algoritmi all’avanguardia, consentirebbero agli investitori di approfittare delle decisioni prese dai software per arricchirsi nel giro di pochi mesi. È chiaro che programmi di questo tipo non esistono, anche perché se no li userebbero tutti.

Attenzione agli schemi Ponzi

Nel novero delle insidie a cui si deve prestare la massima attenzione nel tentativo di trovare strategie per guadagnare bitcoin velocemente ci sono quelle che si nascondono dietro i sistemi di mining della criptovaluta che in realtà celano dei veri e propri schemi Ponzi. Ci sono, in pratica, dei soggetti che si fanno consegnare del denaro che – secondo le loro promesse – sarà impiegato per finanziare il mining di bitcoin. In realtà i soldi servono per pagare gli alti interessi dovuti alle prime persone che, loro malgrado, si sono ritrovate nello schema; dopodiché, quando il meccanismo è cresciuto a tal punto da far fruttare una bella somma, dei soldi che dovrebbero arrivare non si sa più nulla.

Guadagnare bitcoin velocemente: sì, ma quanto?

Come si sarà intuito, a meno di non voler far ricorso a dei sistemi illegali non ci si può aspettare di riuscire a guadagnare bitcoin velocemente e a cifre tali da poter ipotizzare di diventare ricchi. In particolare i primi investimenti devono essere considerati come un approccio iniziale, una sorta di presa di contatto. Se è vero che non si può più far fortuna come coloro che avevano comprato i bitcoin una decina di anni fa per poi ritrovarsi tra le mani un vero tesoretto, quando la criptovaluta ha toccato una quotazione di migliaia di euro, è altrettanto vero che al momento non ci sono elementi che possano indurre ad affermare con certezza che il valore del bitcoin non crescerà più. Insomma, è possibile comprarne ora nella speranza che la loro quotazione salga di nuovo. Ma è chiaro che in un mercato così competitivo e impegnativo non ci si può basare unicamente sulla speranza. Occorre, invece, studiare molto, analizzare i dati storici e valutare l’evolversi dei trend per lanciarsi in previsioni ponderate e motivate.

Gli investimentiI trucchi indispensabili per guadagnare bitcoin velocemente in bitcoin

Va detto, per di più, che investire nel bitcoin al giorno d’oggi è decisamente più facile rispetto a quel che poteva avvenire fino a pochi anni fa. In effetti in principio il bitcoin era a tutti gli effetti una valuta da nerd, conosciuta da pochi esperti del settore e addirittura guardata con un mix di sospetto e scetticismo da molti addetti ai lavori. Ora che anche il grande pubblico ha imparato a maneggiare e a familiarizzare con il bitcoin, lo scenario è molto diverso: il che non vuol dire, comunque, che ci si debba lanciare in tali investimenti senza prima aver studiato.

Il copy trading

A dir la verità esiste un metodo a cui si può fare riferimento per provare a guadagnare bitcoin velocemente pur non essendo degli esperti in materia: si tratta, però, di un metodo che non dà certezze di alcun tipo. Insomma, ci sono alte probabilità di ottenere dei ricavi, ma non la sicurezza matematica: quindi chi segue questa strada se ne assume le responsabilità e lo fa a proprio rischio e pericolo. Ma di quale strada stiamo parlando? Quella del copy trading, una soluzione che permette a qualsiasi investitore di copiare le operazioni finanziarie che vengono effettuate dai trader più bravi, incluse – appunto quelle relative al trading in bitcoin. Replicare gli investimenti dei migliori trader, cioè quelli che negli ultimi tempi hanno guadagnato di più, dovrebbe essere una garanzia di successo. Questo meccanismo, che ovviamente è del tutto regolare e si basa sul pieno consenso dei trader che vengono copiati (anche perché loro ne ottengono un guadagno), è consigliato a tutti ma in particolare a chi è alle prime armi, visto che un’analisi delle operazioni può essere considerata un valido insegnamento. Un suggerimento utile è quello di non ricopiare da un trader solo ma di prendere come riferimento almeno tre o quattro investitori differenti: anche nel contesto del copy trading, infatti, la diversificazione è un’arma eccellente per ridurre i rischi. Infine, ti consigliamo di leggere le nostre recensioni riguardo i software per il trading automatico: parti da Bitcoin Trader e Bitcoin Profit!

Fabrizio Nucci

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *